Il lavoro culturale su Carlo Bordini

Il lavoro culturale pubblica una mia lettura di Memorie di un rivoluzionario timido di Carlo Bordini.


“La ricognizione entro il senso della propria, più o meno riottosa, e dell’altrui, più Carlo-fc16co meno quiescente, partecipazione collettiva, sembra essere a posteriori uno dei principali meriti della ricerca linguistica di Carlo Bordini. Un senso da calibrare meticolosamente all’interno di ogni sintagma spaziotemporale cui la scrittura si riferisce a prescindere. Perché quello di Bordini è un punto di vista puramente soggettivo e così connaturato all’esattezza del suo movimento entro e fuori il proprio contesto, da rendersi capace, anche dopo molto tempo, di raccontare una buona parte della vera musica di un’epoca” → http://www.lavoroculturale.org/il-sogno-rimandato-carlo-bordini/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...