Elena Ferrante copertina

cover-newCAM00205amami


Domani alle 17 Centro Libellula: Improvvisazione come espressione e prassi in musica e poesia

L’improvvisazione come espressione e prassi in musica e poesia.

Su una poesia di Stefania Crozzoletti

Nella prima camera c’era Hilde Domin

ste1
Stefania Crozzoletti
gu
Poco prima della guerra

Quando le si volterebbero volentieri le spalle alla Storia? Si chiede Alessandra Pigliaru nella prefazione del libro di Stefania Crozzoletti da cui è estratta la seconda poesia che ho scelto di raccontare in questa camera di condizionamento. Il libro si intitola Poco prima della guerra e fa parte della seconda raccolta poetica di questa autrice. Si tratta di un libro che sembra delineare per stralci la mutevolezza di uno stato di famiglia iscritto in qualcosa di appena conquistato, come può essere la vita adulta, quando accade a qualunque età di volgere lo sguardo a quello che sono, o quello che ne è stato, della madre e del padre. C’è da chiedersi infatti quale sia la guerra di cui la memoria di Crozzoletti è superstite in queste poesie. Se una guerra da copione, quella che tutti sanno, che ha una data di inizio, fine e un dopoguerra tutto di ricostruzioni. O se questa poesia non provenga proprio da quella guerra inscindibile da un prima e un poi, che costituisce la vita adulta, ossia un luogo interiore delimitato da ciò, o da chi, all’ultima conta, risulta mancante. Sasso incide sasso e l’equazione riguarda un azzeramento e una costatazione, tutto qua. Poi se è l’ombra a dichiarare quanto tutto sarebbe potuto essere diverso, quanto noi saremmo potuti essere diversi, magari un giorno lo saremo davvero o lo siamo già nelle pieghe mutevoli di quello stato di famiglia che si confonde con la notte della Storia. Continua a leggere

Nella prima camera: su una poesia di Hilde Domin

Come accennavo qui è un po’ di tempo che credo che sia arrivato il momento per me di tornare anche attraverso La diaria a quella camera di condizionamento (Giacomo Cerrai) che la poesia è. Condizionamento di tutto il resto: dalle altre scritture che non sono poesia alle scelte di ordine apparentemente diverso. La diaria è fin dall’inizio il luogo virtuale in cui ho pensato di conservare da formica (mai stata cicala) i semi che trovavo qua e là. Un ricettacolo di cose piccolissime, forse non attinenti tra loro, e di incerto futuro proprio come i semi che non si comprano in bustina. Ma quando lo si trova, un seme pur essendo qualcosa di conchiuso che non si capisce quello che sarà, è pur sempre una minuteria cui non manca nulla. Allora poiché la primavera è vicina, ho creduto che la prima poesia che mi andasse di raccontare, rientrando in questa camera di condizionamento, dovesse essere una poesia di Hilde Domin.  


Hilde Domin
Hilde Domin
Lettere su un altro continente
Lettere su un altro continente

Hilde Domin, classe 1909, è tra quei poeti che hanno vissuto direttamente le conseguenze del nazismo sulle loro vite. Ma più che la bufera che imperversava in Europa in quegli anni su ebrei, minoranze etniche e oppositori al regime, Domin sosteneva che fosse stata sopratutto la poesia a entrare inaspettatamente nella sua vicenda personale come una seconda vita o come dovrebbe fare l’amore, del tutto inaspettatamente e senza invito. E’ una seconda vita quella che l’avvento della poesia impone secondo Domin, non sul piano metaforico ma bensì su quello temporale. Quindi la poesia può arrivare a dividere la vita in due parti anzi in due vite separate e differenti, quella della donna di prima e quella della seconda donna. Continua a leggere

L’improvvisazione come espressione e prassi in musica e poesia

Sabato 7 marzo ore 17 Centro Libellula Morlupo

Un incontro con Giovanni Palombo a cura di Viviana Scarinci

G. Palombo e V. Scarinci

Nella musica, nella poesia, e in altre arti e forme di pensiero, l’improvvisazione è un culmine e una sintesi di conoscenza, legata all’approfondimento della percezione. E’ un linguaggio che permette la creazione istantanea, un ponte tra la pratica e l’esercizio e le aree profonde della coscienza.

Nel mese di marzo il circolo di lettura e scrittura del Centro Libellula si terrà in via del tutto eccezionale  sabato 7 alle 17 per ospitare la presentazione del libro di Giovanni Palombo Improvvisazione Fingerstyle (Libro + DVD, Fingerpicking.net/Curci). Come Associazione Libellula ci è particolarmente gradito proporre quest’appuntamento con uno dei nostri soci tra i più attivi nel mondo della performance e della didattica musicale.

L’incontro sarà suddiviso in tre parti: Continua a leggere